Aggiornamenti ministeriali per integratori alimentari e AFMS

Il Ministero della Salute ha pubblicato nuove note contenenti aggiornamenti per gli integratori alimentari e gli Alimenti a Fini Medici Speciali (AFMS). Gli argomenti affrontati sono molteplici, a partire dalla riclassificazione dei prodotti a base di palmitoil-etanolamide (PEA) attualmente classificati come Alimenti a Fini Medici Speciali (AFMS).

Tali prodotti dovranno essere rinotificati come integratori alimentari in quanto non hanno un ruolo di dietary management e non rispondono quindi alla definizione normativa di AFMS. La PEA può essere considerata una sostanza a effetto fisiologico e non svolge alcuna funzione nel compartecipare al soddisfacimento del fabbisogno nutritivo in soggetti nutrizionalmente vulnerabili a causa di particolari condizioni mediche.

Pertanto i prodotti contenenti PEA, classificati in precedenza come AFMS, con la prossima revisione saranno eliminati dal registro nazionale. Gli AFMS contenenti PEA già immessi in commercio o già etichettati come AFMS prima della pubblicazione della nota ministeriale possono continuare a essere commercializzati fino a esaurimento delle scorte.

Altro tema affrontato è l’eliminazione della concessione del logo “Ministero della Salute Registro nazionale: Alimento a fini medici speciali – Prodotto erogabile” sull’etichetta degli AFMS. Tale rivalutazione si è resa necessaria in quanto il registro degli AFMS comprende tutti i prodotti che rientrano nella definizione di AFMS e quindi non solo quelli utilizzati in caso di patologie contemplate per l’erogabilità.

Tuttavia nell’etichetta degli AFMS non sempre appare un’indicazione esplicita per il trattamento dietetico di una delle patologie ammesse all’erogabilità. Quindi, per non indurre in errore circa gli AFMS effettivamente erogabili, si era deciso di riservare il logo ministeriale ai soli AFMS destinati al trattamento dietetico delle patologie ammesse all’erogabilità.

Tuttavia, dato che continuano a persistere usi impropri del logo ministeriale, non è più possibile mantenere la concessione del logo per gli AFMS. Dalle prossime produzioni, dunque, per gli AFMS non sarà più consentito l’uso del logo ministeriale con la dizione “Prodotto erogabile”. Novità anche per gli integratori alimentari contenenti creatinina.

Il Ministero ha infatti indicato una nuova avvertenza da apporre in etichetta in modo da armonizzare quanto previsto dalle linee guida ministeriali sugli integratori alimentari con l’avvertenza prevista dalla normativa europea per la stessa sostanza. Dalle prossime produzioni sarà quindi necessario adottare la nuova avvertenza per i prodotti contenenti creatina, ovvero “Per la presenza di creatina il prodotto è destinato ai soli adulti.

Non utilizzare in gravidanza”. Sono stati pubblicati infine gli aggiornamenti della circolare “Altri nutrienti e altre sostanze ad effetto nutritivo o fisiologico” e della circolare riportante gli apporti giornalieri di vitamine e minerali ammessi negli integratori alimentari. In particolare, sono stati aumentati i livelli massimi ammessi di vitamina B12, vitamina D e vitamina K.

Scritto da  Federica Montozzi18