Formazione professionale: una scelta fondamentale

Ogni neolaureato, appena concluso il percorso universitario, si trova a dover proporre il suo curriculum e, immediatamente, si accorge che la laurea non basta: deve assolutamente arricchirsi con attestati di corsi professionali. La prima cosa che tutti gli raccomandano è la conoscenza dell’inglese – facile da acquisire – ma per quanto concerne i corsi professionali, come scegliere? Come orientarsi?

La persona qualificata rappresenta uno dei punti di forza dell’azienda in cui lavora, che può così dimostrarsi competitiva e fronteggiare con successo le dinamiche del mercato.

Quindi, quali corsi è più opportuno scegliere? Si deve proseguire con i consigli dei colleghi, delle persone che hanno fatto un percorso accademico simile e sono ormai inserite nel mondo lavoro? Oppure orientarsi con gli annunci di lavoro per professionisti riportati dai giornali? Informarsi sugli appositi siti Internet? Forse è bene fare tutto questo, ma forse non è sufficiente.

La mia fortuna è di aver trovato un posto presso la Di Renzo Regulatory Affairs, proprio nel settore regolatorio, e dopo un anno di lavoro mi sono iscritta a un Master dedicato all’attività regolatoria del farmaco.

Ho quindi capito che la scelta di intraprendere un Master è decisamente più utile se effettuata durante un percorso lavorativo, in quanto offre la possibilità di consolidare quanto si è già appreso e permette un ulteriore approfondimento teorico e qualificante di ciò che viene fatto nella pratica.

L’ampliamento di determinati concetti, infatti, garantisce un guadagno in termini di crescita personale e professionale.

Scritto da Valeria Cardoni