Etichettatura dei prodotti alimentari

Etichettare alimenti

Il regolamento sull’etichettatura dei prodotti alimentari, entrato in vigore oramai da diversi anni, rappresenta sicuramente una delle normative di riferimento per il settore alimentare ed è in costante aggiornamento. Al fine di garantire la sicurezza del prodotto e la massima trasparenza nei confronti dei consumatori, le Autorità degli Stati membri collaborano affinché possano essere regolamentati ed armonizzati tutti i diversi aspetti dell’etichettatura degli alimenti.

Per etichettatura si intende qualunque menzione, indicazione, marchio di fabbrica o commerciale, immagine o simbolo che si riferisce a un alimento e che figura su qualunque imballaggio, documento, avviso, etichetta, nastro o fascetta che accompagna o si riferisce a tale alimento.

La normativa prevede che in etichetta debbano essere riportate le informazioni obbligatorie quali, a titolo indicativo e non esaustivo, denominazione del prodotto, nome e indirizzo dell’Operatore del settore alimentare che immette il prodotto sul mercato, peso netto, elenco degli ingredienti ed eventuale presenza di allergeni, dichiarazione nutrizionale; per ciascuna di queste informazioni la normativa prevede condizioni e diciture specifiche che richiedono un’attenta analisi per l’adattamento alle singole esigenze aziendali e produttive.

Ad esempio per l’indicazione del termine minimo di conservazione sono accettabili le seguenti espressioni: «da consumarsi preferibilmente entro il …» o «da consumarsi preferibilmente entro fine …», a seconda di come è espressa la data sul confezionamento.

In aggiunta, in etichetta possono essere riportate anche altre informazioni facoltative, come ad esempio indicazioni nutrizionali e sulla salute relative a specifici ingredienti o eventuali certificazioni ottenute che possono rappresentare un valore aggiunto rispetto alle particolari esigenze o preferenze di alcune categorie di consumatori.
Infatti, sempre maggiore è l’uso di claims (come senza zuccheri, senza glutine, senza lattosio, adatto ai vegani) che permettono al consumatore di individuare correttamente alimenti e bevande.

Quindi una chiara e corretta etichetta del prodotto è requisito fondamentale ai fini della presentazione dello stesso al consumatore. Pertanto, spetta agli Operatori del settore alimentare il compito di riportare in maniera conforme e puntuale tutte le indicazioni rispettando nello stesso tempo quelle che vengono definite le “Pratiche leali delle informazioni”.

Come accennato, la normativa dell’etichettatura è in costante aggiornamento. Gli Operatori del settore alimentare devono adeguare tutte le informazioni alla normativa vigente.
Non è difficile trovare sul mercato alimenti etichettati con dichiarazioni nutrizionali non conformi o con informazioni relative a categorie di prodotti non più esistenti nell’attuale quadro normativo.

Di Renzo Regulatory Affairs è sempre aggiornata sull’argomento e offre assistenza a tutte le aziende di alimenti (predisposizione dei testi dell’etichetta, suggerimenti di indicazioni nutrizionali e sulla salute da riportare, realizzazione della grafica del confezionamento, valutazione e correzione dei messaggi pubblicitari).

Scritto da: Juliana Bundo

 

Foto di Craig Melville da Pixabay